TT

Traduzioni&Tradizioni
citazioni
...Altrimenti mi fanno male le finestre

Per rigenerarsi un po'...

SONETO LXV

Matilde, dónde estás? Noté, hacia abajo, 
entre corbata y corazón, arriba, 
cierta melancolía intercostal: 
era que tú de pronto eras ausente.

Me hizo falta la luz de tu energía 
y miré devorando la esperanza, 
miré el vacío que es sin ti una casa, 
no quedan sino trágicas ventanas.

De puro taciturno el techo escucha 
caer antiguas lluvias deshojadas, 
plumas, lo que la noche aprisionó:

y así te espero como casa sola 
y volverás a verme y habitarme. 
De otro modo me duelen las ventanas.

Pablo Neruda, 1959


Leggi 0 Commenti... >>
 

...Allora Blimunda disse, Vieni.
Si distaccò la volontà di Baltasar Sette-Soli,
ma non salì alle stelle,
se alla terra apparteneva
e a Blimunda.

(José Saramago,
Memorial do Convento)


Leggi 0 Commenti... >>
 
Tenerezza (Ternura )

Per rigenerarsi un po'...

Tenerezza  (Ternura)


Io ti chiedo perdono di amarti all’improvviso

Benché il mio amore sia una vecchia canzone alle tue orecchie,

Delle ore passate all’ombra dei tuoi gesti

Bevendo nella tua bocca il profumo dei sorrisi

Delle notti che vissi ninnato

Dalla grazia ineffabile dei tuoi passi eternamente in fuga

Porto la dolcezza di coloro che accettano malinconicamente.

E posso dirti che il grande affetto che ti lascio

Non porta l’esasperazione delle lacrime né il fascino delle promesse

Né le misteriose parole dei veli dell’anima…

È una calma, una dolcezza, un traboccare di carezze

E richiede solo che tu riposi quieta, molto quieta

E lasci che le mani ardenti della notte incontrino senza fatalità

lo sguardo estatico dell’aurora.

 

(Vinicius de Moraes, poesie e canzoni, Vallecchi Editore, 1981; a cura di Sergio Bardotti)

 



Leggi 0 Commenti... >>
 
Quando siamo solo io e te

Per rigenerarsi un po'...

Mas não,

nós dois viveríamos

a vida como um instante

demente,

saudável,

como

a vida não poderia ser,

ou como

a vida deve ser,

ou como

a vida é

quando somos

só eu e você,

a vida só,

a vida só,

a vida,


a vida.


Cássio Junqueira, Só Poesia


Leggi 0 Commenti... >>
 
a conversa das mulheres

 

"...é a grande interminável conversa das mulheres,
parece coisa nenhuma, isto pensam os homens, 
nem eles imaginam que esta conversa é que segura o mundo
na sua órbita, não fosse falarem as mulheres umas com as outras, 
já os homens teriam perdido o sentido da casa e do planeta."

J. Saramago (Memorial do convento)

 


Leggi 0 Commenti... >>
 
Ternura (Vinicius de Moraes)

Per rigenerarsi un po'...

Ternura


Eu te peço perdão por te amar de repente

Embora o meu amor seja uma velha canção nos teus ouvidos

Das horas que passei à sombra dos teus gestos

Bebendo em tua boca o perfume dos sorrisos

Das noites que vivi acalentado

Pela graça indizível dos teus passos eternamente fugindo

Trago a doçura dos que aceitam melancolicamente.

E posso te dizer que o grande afeto que te deixo

Não traz o exaspero das lágrimas nem a fascinação das promessas

Nem as misteriosas palavras dos véus da alma…

É um sossego, uma unção, um transbordamento de carícias

E só te pede que te repouses quieta, muito quieta

E deixes que as mãos cálidas da noite encontrem sem fatalidade

o olhar extático da aurora.

 

Vinicius de Moraes


Leggi 0 Commenti... >>
 
Soneto de fidelidade

Per rigenerarsi un po'...

Soneto de fidelidade

De tudo ao meu amor serei atento 
Antes, e com tal zelo, e sempre, e tanto 
Que mesmo em face do maior encanto 
Dele se encante mais meu pensamento.

Quero vivê-lo em cada vão momento
E em seu louvor hei de espalhar meu canto
E rir meu riso e derramar meu pranto
Ao seu pesar ou seu contentamento.

E assim, quando mais tarde me procure
Quem sabe a morte, angústia de quem vive
Quem sabe a solidão, fim de quem ama

Eu possa me dizer do amor ( que tive ) :
Que não seja imortal, posto que é chama
Mas que seja infinito enquanto dure.

Vinicius de Moraes, "Antologia Poética", Editora do Autor, Rio de Janeiro, 1960, pág. 96.

VIDEO: Vinicius de Moraes legge il Soneto de Fidelidade


Leggi 0 Commenti... >>
 
Il quasi amore

Per rigenerarsi un po'...


O quase amor ou a paixão

Ora che penso solo alla bocca.
Ora che penso solo alla tua carne.
Ed è proprio alla carne che penso...
Certo che penso a come sei, al tuo sguardo, al tuo abbraccio.
Ora che se chiudo gli occhi sento le tue mani sul mio corpo.
Ora che amo ancora di più la luna...
La luna soltanto mi distoglie un poco da te.
Ora che non sono più poeta;
hai rubato i miei versi e mi hai dato la vita!
Ora che sono diventato mio, che sono diventato tuo.
… Ora che sono tuo perché mi hai sottratto a me e io l'ho acconsentito...
ancor più che questo.
Ora non c'è più nulla;
ogni momento è nulla
e la vita è tutto in ogni momento.
Ora che non c'è più presentimento
poiché c'è una fiducia assoluta, una fede.
Ora che c'è solo questa gioia sentita con dolore...
perché è reale,
ma che è pur sempre una gioia.
Ora che c'è solo questa perdizione, questa dannazione,
questo vuoto infinito: questa plenitudine...
… e questa voglia di restare.
Forse non potremo restare sempre qui...
ma forse potremo restare qui per sempre...
Abbiamo già dove tornare...
Non siamo più soli.

Cássio Junqueira, Só Poesia ::  Traduzione di Amina Di Munno


Leggi 0 Commenti... >>
 
o quase amor

Per rigenerarsi un po'...

O quase amor ou a paixão

Agora que só penso em boca.
Agora que só penso na carne tua.
E é na carne mesmo que penso...
É claro que penso no teu jeito, teu olhar, teu abraço.
Agora que se fecho os olhos sinto as tuas mãos no meu corpo.
Agora que amo ainda mais a lua...
Só a lua me distrai um pouco de ti.
Agora que não sou mais poeta;
roubaste os meus versos e me deste a vida!
Agora que me fiz meu, que me fiz teu.
Agora que sou teu porque me tomaste pra ti e eu consenti...
muito mais que isso.
Agora não há mais nada;
cada momento é nada
e a vida é tudo em cada momento.
Agora que não há mais pressentimento
porque há uma confiança absoluta, uma fé.
Agora que há só esta alegria sentida com dor...
por ser real,
mas que nunca deixa de ser alegria.
Agora que há só esta perdição, esta danação,
este vazio infinito: esta plenitude...
... e esta vontade de ficar.
Talvez não possamos ficar sempre aqui...
mas talvez possamos ficar aqui pra sempre...
Já temos pra onde voltar...
Não somos mais sozinhos.

Cássio Junqueira, Só Poesia


Leggi 0 Commenti... >>
 
Assenza

Per rigenerarsi un po'...

Assenza


Io lascerò che muoia in me
il desiderio di amare i tuoi occhi

che sono dolci
perché nulla potrei darti
tranne la pena di vedermi eternamente esausto.
Eppure la tua presenza
è una cosa qualunque come la luce e vita...
... eppure io sento che nel mio gesto esiste il tuo gesto
e nella mia voce la tua voce
Io ti lascerò
tu andrai,
e accosterai il tuo viso a un altro viso
le tue dita allacceranno altre dita
e tu sboccerai verso l'aurora
ma non saprai che a coglierti sono stato io
perche io sono il grande intimo della notte..
Perché ho accostato il mio viso al viso della notte
e ho sentito il tuo bisbiglio amoroso
e ho portato fino a me la misteriosa essenza
del tuo abbandono disordinato.
Io resterò solo come veliero nei porti silenziosi
ma ti possiederò piu di chiunque
perche potrò partire..
E tutti i lamenti del mare del vento del cielo degli uccelli
delle stelle saranno la tua voce presente
la tua voce assente
la tua voce rasserenata.

 

(Vinicius de Moraes, poesie e canzoni, Vallecchi Editore, 1981; a cura di Sergio Bardotti)

 



Leggi 0 Commenti... >>
 
Te amo por ceja

Per rigenerarsi un po'...

 

Te amo por ceja

por Julio Cortázar

Te amo por ceja, por cabello, te debato en corredores 
blanquísimos donde se juegan las fuentes 
de la luz, 
te discuto a cada nombre, te arranco con delicadeza 
de cicatriz, 
voy poniéndote en el pelo cenizas de relámpago y 
cintas que dormían en la lluvia. 
No quiero que tengas una forma, que seas 
precisamente lo que viene detrás de tu mano, 
porque el agua, considera el agua, y los leones 
cuando se disuelven en el azúcar de la fábula, 
y los gestos, esa arquitectura de la nada, 
encendiendo sus lámparas a mitad del encuentro. 
Todo mañana es la pizarra donde te invento y te 
dibujo, 
pronto a borrarte, así no eres, ni tampoco con ese 
pelo lacio, esa sonrisa. 
Busco tu suma, el borde de la copa donde el vino 
es también la luna y el espejo, 
busco esa línea que hace temblar a un hombre en 
una galería de museo. 
Además te quiero, y hace tiempo y frío.




Leggi 0 Commenti... >>
 
Sonetto della fedeltà

Per rigenerarsi un po'...

Sonetto della fedeltà

In tutto avrò riguardo del mio amore
Prima, e con tale zelo, e sempre, e tanto 
Che, pur di fronte ad un supremo incanto,
Di lui sia più incantato il mio pensiero.

Viverlo voglio ogni vano momento
E in lode sua sprigionerò il mio canto
Riderò il riso e spargerò il mio pianto
Alla sua pena o al suo contentamento.

Così, quando più tardi mi cercasse
Forse la morte, angustia di chi vive
O lo star solo, fine di chi ama

Possa io dirmi dell'amor ( che è stato ) :
Che immortale non sia, posto che è fiamma
Ma che sia senza fine, finché dura.

Vinicius de Moraes, "Antologia Poética",
Traduzione di G. Ungaretti


Leggi 0 Commenti... >>
 
... e poi ti voglio bene...

Per rigenerarsi un po'...

 

Amo ogni tuo ciglio, ogni tuo capello,

ti combatto in candidi corridoi
dove si giocano le fonti della luce,
ti discuto in ogni nome, ti strappo con delicatezza di cicatrice,
a poco a poco ti metto nei capelli cenere di lampo e nastri
assopiti nella pioggia.
Non voglio che tu abbia una forma, che tu sia esattamente
quello che viene dietro la tua mano,
perché l’acqua, pensa all’acqua, e ai leoni quando si
sciolgono nello zucchero della fiaba,
e ai gesti, architettura del nulla,
le loro lampade accese a metà dell’incontro.
Ogni domani è l’ardesia su cui ti invento e ti disegno,
pronto a cancellarti, non sei così, neppure con quei capelli lisci,
quel sorriso.
Cerco la tua somma, il bordo del bicchiere in cui il vino si fa
luna e specchio,
cerco quella linea che fa tremare un uomo
nella sala di un museo.
E poi ti voglio bene, nel tempo e nel freddo.

 

(Julio Cortázar)

 



Leggi 0 Commenti... >>
 
Il Futuro

Per rigenerarsi un po'...

 

Il Futuro

E so molto bene che non ci sarai.

Non ci sarai nella strada,
non nel mormorio che sgorga di notte
dai pali che la illuminano,
neppure nel gesto di scegliere il menù,
o nel sorriso che alleggerisce il “tutto completo” delle sotterranee,
nei libri prestati e nell’arrivederci a domani.
Nei miei sogni non ci sarai,
nel destino originale delle parole,
nè ci sarai in un numero di telefono
o nel colore di un paio di guanti, di una blusa.
Mi infurierò, amor mio, e non sarà per te,
e non per te comprerò dolci,
all’angolo della strada mi fermerò,
a quell’angolo a cui non svolterai,
e dirò le parole che si dicono
e mangerò le cose che si mangiano
e sognerò i sogni che si sognano
e so molto bene che non ci sarai,
nè qui dentro, il carcere dove ancora ti detengo,
nè la fuori, in quel fiume di strade e di ponti.
Non ci sarai per niente, non sarai neppure ricordo,
e quando ti penserò, penserò un pensiero
che oscuramente cerca di ricordarsi di te.

(Julio Cortázar)

 



Leggi 0 Commenti... >>
 
Soneto de separação

Per rigenerarsi un po'...

Soneto de separação

(Qui il video in cui Vinicius legge e canta il Soneto)

De repente do riso fez-se o pranto
Silêncioso e branco como a bruma
E das bocas unidas fez-se a espuma
E das mãos espalmadas fez-se o espanto

De repente da calma fez-se o vento
Que dos olhos desfez a última chama
E da paixão fez-se o pressentimento
E do momento imóvel fez-se o drama

De repente, não mais que de repente
Fez-se de triste o que se fez amante
E de sozinho o que se fez contente

Fez-se do amigo próximo o distante
Fez-se da vida uma aventura errante
De repente, não mais que de repente.

Vinicius de Moraes, "Antologia Poética", Editora do Autor, Rio de Janeiro, 1960


Leggi 0 Commenti... >>
 
Sonetto della separazione

Per rigenerarsi un po'...

Sonetto della separazione

D’un tratto il sorriso si è fatto pianto
Silenzioso e bianco come la bruma
E le bocche unite, schiuma
E le mani tese, sgomento

D’un tratto la calma si è fatta vento
Che dagli occhi ha soffiato via l’ultima fiamma
E la passione ha lasciato posto al sospetto
E l’istante immobile, al dramma

D’un tratto, proprio d'un tratto
S è fatto triste chi era amante
E solo chi era soddisfatto

L'amico intimo è adesso distante
E la vita, un'avventura errante
D’un tratto, proprio d'un tratto.

Vinicius de Moraes
(traduzione mia)


Leggi 0 Commenti... >>
 
O guardador de rebanhos

Per rigenerarsi un po'...

 

Sou um guardador de rebanhos.
O rebanho é os meus pensamentos
E os meus pensamentos são todos sensações.
Penso com os olhos e com os ouvidos
E com as mãos e os pés
E com o nariz e a boca.

Pensar uma flor é vê-la e cheirá-la
E comer um fruto é saber-lhe o sentido.

Por isso quando num dia de calor
Me sinto triste de gozá-lo tanto,
E me deito ao comprido na erva,
E fecho os olhos quentes,
Sinto todo o meu corpo deitado na realidade,
Sei a verdade e sou feliz.

"O Guardador de Rebanhos", Alberto Caeiro
(heterónimo de Fernando Pessoa)



Leggi 0 Commenti... >>
 
El Futuro

Per rigenerarsi un po'...

 

El Futuro

Y sé muy bien que no estarás.
No estarás en la calle,
en el murmullo que brota de noche
de los postes de alumbrado,
ni en el gesto de elegir el menú,
ni en la sonrisa que alivia
los completos de los subtes,
ni en los libros prestados
ni en el hasta mañana.

No estarás en mis sueños,
en el destino original
de mis palabras,
ni en una cifra telefónica estarás
o en el color de un par de guantes
o una blusa.
Me enojaré amor mío,
sin que sea por ti,
y compraré bombones
pero no para ti,
me pararé en la esquina
a la que no vendrás,
y diré las palabras que se dicen
y comeré las cosas que se comen
y soñaré las cosas que se sueñan
y sé muy bien que no estarás,
ni aquí adentro, la cárcel
donde aún te retengo,
ni allí fuera, este río de calles
y de puentes.
No estarás para nada,
no serás ni recuerdo,
y cuando piense en ti
pensaré un pensamiento
que oscuramente
trata de acordarse de ti.

 

(Julio Cortázar)

 



Leggi 0 Commenti... >>
 
Cet amour

Per rigenerarsi un po'...

Cet amour

Cet amour
Si violent
Si fragile
Si tendre
Si désespéré
Cet amour
Beau comme le jour
Et mauvais comme le temps
Quand le temps est mauvais
Cet amour si vrai
Cet amour si beau
Si heureux
Si joyeux
Et si dérisoire
Tremblant de peur comme un enfant dans le noir
Et si sûr de lui
Comme un homme tranquille au milieu de la nuit
Cet amour qui faisait peur aux autres
Qui les faisait parler
Qui les faisait blêmir
Cet amour guetté
Parce que nous le guettions
Traqué blessé piétiné achevé nié oublié
Parce que nous l’avons traqué blessé piétiné achevé nié oublié
Cet amour tout entier
Si vivant encore
Et tout ensoleillé
C’est le tien
C’est le mien
Celui qui a été
Cette chose toujours nouvelle
Et qui n’a pas changé
Aussi vrai qu’une plante
Aussi tremblante qu’un oiseau
Aussi chaude aussi vivant que l’été
Nous pouvons tous les deux
Aller et revenir
Nous pouvons oublier
Et puis nous rendormir
Nous réveiller souffrir vieillir
Nous endormir encore
Rêver à la mort,
Nous éveiller sourire et rire
Et rajeunir
Notre amour reste là
Têtu comme une bourrique
Vivant comme le désir
Cruel comme la mémoire
Bête comme les regrets
Tendre comme le souvenir
Froid comme le marbre
Beau comme le jour
Fragile comme un enfant
Il nous regarde en souriant
Et il nous parle sans rien dire
Et moi je l’écoute en tremblant
Et je crie
Je crie pour toi
Je crie pour moi
Je te supplie
Pour toi pour moi et pour tous ceux qui s’aiment
Et qui se sont aimés
Oui je lui crie
Pour toi pour moi et pour tous les autres
Que je ne connais pas
Reste là
Lá où tu es
Lá où tu étais autrefois
Reste là
Ne bouge pas
Ne t’en va pas
Nous qui nous sommes aimés
Nous t’avons oublié
Toi ne nous oublie pas
Nous n’avions que toi sur la terre
Ne nous laisse pas devenir froids
Beaucoup plus loin toujours
Et n’importe où
Donne-nous signe de vie
Beaucoup plus tard au coin d’un bois
Dans la forêt de la mémoire
Surgis soudain
Tends-nous la main
Et sauve-nous.

Jacques Prévert, Paroles, Paris, Gallimard, 1946


Leggi 0 Commenti... >>
 
Questo amore

Per rigenerarsi un po'...

Questo amore

Questo amore
Così violento
Così fragile
Così tenero
Così disperato
Questo amore
Bello come il giorno
E cattivo come il tempo
Quando il tempo è cattivo
Questo amore così vero
Questo amore così bello
Così felice
Così gaio
E così beffardo
Tremante di paura come un bambino al buio
E così sicuro di sé
Come un uomo tranquillo nel cuore della notte
Questo amore che impauriva gli altri
Che li faceva parlare
Che li faceva impallidire
Questo amore spiato
Perché noi lo spiavamo
Perseguitato ferito calpestato ucciso negato dimenticato
Perché noi l'abbiamo perseguitato ferito calpestato ucciso negato dimenticato
Questo amore tutto intero
Ancora così vivo
E tutto soleggiato
È tuo
È mio
È stato quel che è stato
Questa cosa sempre nuova
E che non è mai cambiata
Vera come una pianta
Tremante come un uccello
Calda e viva come l'estate
noi possiamo tutti e due
Andare e ritornare
Noi possiamo dimenticare
E quindi riaddormentarci
Risvegliarci soffrire invecchiare
Addormentarci ancora
Sognare la morte
Svegliarci sorridere e ridere
E ringiovanire
Il nostro amore è là
Testardo come un asino
Vivo come il desiderio
Crudele come la memoria
Sciocco come i rimpianti
Tenero come il ricordo
Freddo come il marmo
Bello come il giorno
Fragile come un bambino
Ci guarda sorridendo
E ci parla senza dir nulla
E io tremante l'ascolto
E grido
Grido per te
Grido per me
Ti supplico
Per te per me per tutti coloro che si amano
E che si sono amati
Sì io gli grido
Per te per me e per tutti gli altri
Che non conosco
Fermati là
Là dove sei
Là dove sei stato altre volte
Fermati
Non muoverti
Non andartene
Noi che siamo amati
Noi tu abbiamo dimenticato
Tu non dimenticarci
Non avevamo che te sulla terra
Non lasciarci diventare gelidi
Anche se molto lontano sempre
E non importa dove
Dacci un segno di vita
Molto più tardi ai margini di un bosco
Nella foresta della memoria
Alzati subito
Tendici la mano
E salvaci.

Traduzione di Gian Domenico Giagni
da: Jacques Prévert, Poesie, Ugo Guanda editore, Parma, 1970


Leggi 0 Commenti... >>