TT

Traduzioni&Tradizioni
Ricetta jolly: Riso “Birubiru”
Tiziana Tonon 24 Agosto 2015 PDF Stampa E-mail

 

Riso “Birubiru”
(per bimbi inappetenti)

 

Facile, veloce, economico e praticamente irresistibile, il riso Birubiru è ormai un classico a casa nostra.

In Brasile si usa come contorno, ma noi possiamo considerarlo un vero e proprio piatto unico.
In effetti è il jolly che mi gioco quando proprio non so cosa cucinare per vedere soddisfatti i miei “clienti”.

Tempo necessario
: meno di 30 minuti

Ingredienti per 4 persone:
– una confezione di pancetta affumicata a cubetti o striscioline
– un uovo
– un cucchiaio d’olio
– sale grosso per l’acqua del riso
– un cipollotto (facoltativo)
– tre tazze di riso (io utilizzo quello Parboiled a chicco lungo)
– un pacchetto di patatine a fiammifero

Preparazione:
Far cuocere il riso in acqua bollente salata, prestando attenzione a spegnere il fuoco prima che si smolli troppo, di modo che i chicchi rimangano ben separati.
Scolarlo e metterlo da parte.

In una padella versare l’olio e poco dopo la pancetta. Far rosolare fino a quando sarà ben croccante.

Togliere la pancetta dalla padella e mettere da parte.

Nello stesso olio, “strapazzare” l’uovo.

Se si desidera aggiungere anche il cipollotto, affettarlo a rondelle sottili e aggiungerlo al riso, all’uovo e alla pancetta, che vanno fatti saltare velocemente insieme  in una padella ampia.

All’ultimo, si aggiungono le patatine a fiammifero.

Servire e spazzolare.

20141008_191637 20141008_190620
20141008_190738 20141008_190952
20141008_191356 20141008_192146

Questo articolo si trova anche qui

il nostro blog

LEMBRETE:
promemoria

Per rigenerarsi un po'...

SONETO LXV

Matilde, dónde estás? Noté, hacia abajo, 
entre corbata y corazón, arriba, 
cierta melancolía intercostal: 
era que tú de pronto eras ausente.

Me hizo falta la luz de tu energía 
y miré devorando la esperanza, 
miré el vacío que es sin ti una casa, 
no quedan sino trágicas ventanas.

De puro taciturno el techo escucha 
caer antiguas lluvias deshojadas, 
plumas, lo que la noche aprisionó:

y así te espero como casa sola 
y volverás a verme y habitarme. 
De otro modo me duelen las ventanas.

Pablo Neruda, 1959

benca_2016.jpg